IL GIORNALINO DELL’ENROSADIRA

Procedere di traccia in traccia

E’ un martedì caldo e soleggiato di luglio, i cavalli sono in stalla a ripararsi dalle mosche quando arriva Giorgio di 11 anni da Genova. E’ già venuto a Cortina, fa gite e quindi conosce la vegetazione ma con entusiasmo e curiosità partiamo alla scoperta del territorio dentro e fuori il pascolo dell’Enrosadira Horse Park.

Decidiamo che il nostro errare si sviluppi lungo le tracce del passaggio dei cavalli nel pascolo e procedendo scopriamo elementi e indizi che ci consentono di conoscere come vivono i cavalli, cosa mangiano, come si muovono, cosa fanno durante la giornata e cosa vedono e sentono. Giorgio ha spesso domande ed è un piacere scoprire le risposte assieme spingendoci in diversi punti del recinto e così, mentre curiosiamo, Alfa, India ed Elska ci raggiungono, a loro volta incuriosite dal nostro stare.

La caccia alle informazioni continua con l’osservazione dei movimenti delle tre giovani cavalle, ci avviciniamo per cogliere dei dettagli e a nostra volta siamo esplorati da loro…. Ma dov’è il resto del branco? Ancora in stalla? Spontaneamente nasce la voglia di andare a vedere cosa succede proprio lì e vi ci dirigiamo: Snorp, Fjoour, Gotia e Gaston sono placidamente intenti a godersi il vento fresco all’ombra ma proprio Gaston nitrendo richiama l’attenzione del branco sull’erba fresca fuori dalla stalla e con un movimento all’unisono i quattro escono e in poco raggiungono le altre tre cavalle nel pascolo.

Sorge spontanea la voglia di andare con loro a formare nuove tracce passando da quelle conosciute poco prima e lasciarne noi con loro delle nuove fino a quando non è ora di salutare il branco e per Giorgio di tornare a casa.

Grazie Giorgio compagno di avventura di traccia in traccia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: