Archivi tag: branco

Le caratteristiche dell’Enrosadira Horse Park

La caratteristica dell’Enrosadira Horse Park è che il Cavallo è soggetto, con le sue peculiari caratteristiche. libero di esprimersi;

La caratteristica dell’Enrosadira Horse Park è il cavallo inserito in un contesto naturale bellissimo;

La caratteristica dell’Enrosadira Horse Park è il cavallo che vive in un branco di tipo famigliare;

La caratteristica dell’Enrosadira Horse Park è l’aula didattica a cielo aperto che si trasforma in un parco giochi naturale, il più bello che ci sia;

La caratteristica dell’Enrosadira Horse Park è la convivenza nel rispetto con altre specie animali, ogni tanto sbuca un capriolo o una volpe, su nel cielo possiamo vedere il falco e le rondini;

La caratteristica dell’Enrosadira Horse Park è la fortuna di imparare a riconoscere diverse specie di piante, toccare con mano corteccia e foglia e distinguerle l’una dalle altre;

La caratteristica dell’Enrosadira Horse Park è il suo cuore, un fienile antico e accogliente, dove ti puoi anche addormentare, accoccolato sul fieno senza che niente e nessuno ti possa disturbare;

La caratteristica dell’Enrosadira Horse Park è avere a disposizione, matite e acquerelli per poter lasciare che la tua voglia di esprimerti possa trovare finalmente il suo spazio;

Potrei proseguire all’infinito ma lascio a te la possibilità di scoprire da solo altre caratteristiche di un luogo dove il benessere sia dell’uomo, bambino e animale è al primo posto!!!!!!

Ti aspettiamo, come sempre!

IL CAVALLO

Il cavallo 27 gennaio 2019

Dalle ore 13.30 alle ore 16.30

“GIORNATA SUI 5 SENSI”

E in principio fu il cavallo, oltre l’immaginario, una immersione nel branco dei cavalli islandesi dell’Enrosadira, nozioni di Etologia e Horse Coaching.

Vi aspettiamo!

Enrosadira Cavalli Islandesi

Via Campo di Sopra 21

Cortina d’Ampezzo Belluno

Alessia e Irene

cell. 3471501718

e-mail agrienrosadira@gmail. com

Dinamiche di branco

I cavalli che vivono in natura, senza supporto da parte dell’uomo, sono raggruppati in piccoli gruppi, definiti “branco”, costituiti da non più di 10-12 cavalli, non vivono in un territorio ben definito perché sono animali “nomadi”, arrivano a percorrere molti km al giorno alla ricerca costante di risorse d’acqua e pascoli buoni.

La grandezza del branco è importante per la sopravvivenza dello stesso, piccolo compatto e unito.

Esiste una vera e propria gerarchia al suo interno: lo stallone, 4-5 femmine e i loro puledri, più il branco degli scapoli ( puledri al di sopra dei due anni) che si muove come un satellite attorno al principale.

Lo stallone oltre a ricoprire il ruolo di riproduttore, assolve anche la funzione di protezione nei confronti del suo harem, posizionandosi tra l’eventuale predatore o un probabile corteggiatore che quindi potrebbe depredare il suo harem, e le sue cavalle. Questo tipico atteggiamento si chiama “Herding”, il maschio intero si mette alle spalle delle femmine, con il collo proteso in avanti, la testa molto bassa verso la terra, scuote l’incollatura, tiene le orecchie schiacciate all’indietro e si muove continuamente, obbligando il resto del gruppo ad allontanarsi. Stesso comportamento protettivo lo hanno anche le femmine per difendere i loro puledri da intrusi non graditi, che possono essere anche membri dello stesso gruppo o predatori come lupi. Da notare come questa forte collaborazione di un branco renda i cavalli animali a basso impatto predatorio.

Da sfatare il mito che lo stallone è aggressivo, pericoloso e ingestibile, inserito in dinamiche sociali adeguati alla sua natura, si rivela estremamente tranquillo e socievole, capace di atti di tenerezza nei confronti dei suoi simili.

Il ruolo principale delle femmine è di allevare i puledri, sorvegliarli e giocare con loro, ma non solo, è proprio attorno ad esse che si sviluppa la gerarchia. Da rivedere l’idea della cavalla “alfa o dominante”, è errato pensare che in natura i cavalli vivano dinamiche sociali rigide, al contrario i ruoli sono flessibili a seconda della situazione vissuta al momento.

Per esempio, in un territorio già conosciuto è la cavalla anziana ad avere più esperienza nell’agire, mentre nell’esplorazione di nuovi territori sono quelle più giovani ad avere l’energia a spingersi oltre, un altro esempio ancora è che nel caso di assenza dello stallone, è la cavalla più forte a difendere il branco e ad allontanarlo dal pericolo.

Una banda, un unico elemento, che si muove in perfetta sintonia con ciò che lo circonda, capace di affrontare e superare gli ostacoli che la natura presenta, animali liberi dentro e fuori, con livelli di comunicazione inimmaginabili, un linguaggio del corpo da apprezzare e capire a fondo, come le grattatine che si danno reciprocamente, ma dove? E come? Parleremo anche di questo, delle relazioni sociali all’interno del branco.

Vi lascio con un semplice pensiero “ Lascia che il cavallo sia cavallo”.

Alessia

Una storia

Circa 25 secoli or sono un allevatore di cavalli e asini chiedeva a un uomo tra i più saggi del suo tempo quale fosse la sua opinione riguardo alla tecnica molto economica di allevare questi animali.

Chuang Tau, nel IV sec. d. C. rispondeva così:

” I cavalli e gli asini vivono sulla terra asciutta mangiano erba e bevono acqua.

Quando sono contenti si strofinano il collo l’un l’altro.

Quando sono arrabbiati si rivoltano e si scalciano con gli zoccoli.

Allevano figli, condividono paure e piaceri e rendono sicura la vita del loro branco.

Fino a quando essi avranno solo comportamenti naturali, “domali” rendili domestici , trova quell’intesa che ti permetterà di averli come compagni di vita e di lavoro.

Ma se, imbrigliati, segregati e separati dalla loro prole, essi imparano a lanciare occhiate cattive. a girare la testa alla frusta, a resistere o peggio ad accettare rassegnati soprusi e privazioni, allora la natura diventa depravata.

Questo è l’errore di chi alleva senza intelligenza e senza cuore.”

Ho volutamente messo tra virgolette la parola “domali” per sottolineare che oggi sarebbe bello sostituirla con “crescita e relazione”

fb_img_14445935859721886414045.jpg

IL GIORNALINO DELL’ENROSADIRA

Un altra settimana è passata e i cavalli dell’Enrosadira hanno accolto fra di loro con tolleranza e pazienza nuovi inizi, primi contatti, la loro calma insegna a portare verso una certa consapevolezza del momento in cui viviamo, centramento e equilibrio interiore.

img-20180816-wa00151391058244.jpg

I bambini e ragazzi di questi tempi corrono, sono sempre proiettati nel futuro, sono spesso altrove tranne nel qui ed ora.

La società stessa esige ritmi veloci, obbiettivi e risultati.

img_20180621_142247387640343.jpg

I cavalli sono rimasti ai tempi lontani, un posto dove non esistono orari da rispettare, giorno o notte, lunedì o giovedì……seguono gli andamenti graduali delle stagioni, della luce e del buio, un luogo dove la calma è la reale protagonista.

img-20180816-wa00081359654693.jpg

Presso l’Enrosadira Horse Park cerchiamo di portare chiunque ci scelga verso questa direzione……pace….silenzio….calma…..equilibrio….consapevolezza……emozioni….

img_20180810_0957321681532657.jpg

Esperienze formative in diverse sfumature, relazionali, sensoriali, cognitive, affettivo emozionali.

cdf1c-cimg7602

Creatività….action painting

img_20180816_1520241782054988.jpg

Responsabilità….prendersi cura di sé e dell’altro

img_20180817_102108-810724376.jpg

Loro…….i cavalli, il branco.

img-20180816-wa00171782054988.jpg

 

19 agosto 2018

FANTACAVALLO

Enrosadira Horse Park
“FANTACAVALLO”

Dal 30 luglio al 3 agosto
Dalle ore 9 alle ore 12.00
Quota di partecipazione: singola attività 20,00€
Quota settimanale 90,00€

Programma:

Lunedì: Ma perché il cavallo fa così?
Sfatiamo insieme i falsi miti, ma è vero che il cavallo dorme in piedi? Ma quanto mangia un cavallo? Troveremo le risposte insieme!

Martedì: Laboratorio di fantasia con ” Il Bastone Parlante”, seduti in cerchio andremo ad inventare una fiaba prendendo spunti dai cavalli e il territorio in cui vivono!

Mercoledì: “Sherlock Holmes Naturalistico”, aguzza la vista e risolvi l’enigma! Dove sono andati i cavalli? Come si chiama quell’albero? Cosa succede nel sottosuolo? E i cavalli, cosa amano del bosco?Andiamo a caccia di impronte, fiori e alberi, creiamo un erbolario insieme!

Giovedì: “Il piccolo popolo” chi vive nell’albero? Chi si prende cura degli animali selvatici? Chi sorveglia nella lunga notte il branco dei cavalli? Scopriamolo insieme!

Venerdì: Giochi di un tempo insieme ai nostri amici cavalli 1 2 3 stella, fuoco fuochino e molto altro!

Enrosadira Cavalli islandesi
Via Campo di Sopra 21
Cortina d’Ampezzo
Belluno
Per info:Alessia
cell. 3471501718
e-mail: agrienrosadira@gmail.com